Lo Squoz
Dominio abcgames.it
Home Page
FAQ
Webmail
COSA INTENDIAMO PER...
I nostri giochi
Serate
Grandi Giochi
Giochi Notturni
Gialli
Altri Giochi
I vostri giochi
Serate
Grandi Giochi
Giochi Notturni
Gialli
Altri Giochi
Due parole su di noi...
ABC: i fondatori
Il nostro amico: lo Squoz
ABC: fotogallery
I consigli della nonna
Cosa intendiamo per...
Contattateci!
Registrazione
Registrati
Sblocco dell'account
Hai dimenticato la password?


Get Firefox!
.


Serate
Le serate sono quella speciale classe di giochi che si usa... di sera! (Ma che fantasia direte voi!). Sono infatti pensate per riempire le classiche sere da campo scuola e perciò hanno una durata che si aggira di solito sulle 2-3 ore. Inoltre sono spesso a tema, e di solito questo tema è legato in qualche modo a quello generale del campo. Richiedono in genere un'ottima preparazione, spesso supportata da interventi "recitati", da scenette... ed una buona conduzione, di solito affidata ad una persona sola (massimo due) che deve prepararsi con attenzione ("studiando" la serata in anticipo), badare che sia tutto pronto (ed in questo è necessario che sia affiancata da qualche "aiutante") e condurre con molto brio. In particolare è fondamentale osservare che la maggior parte delle serate è costituita da giochi di tipo "statico", molto diversi dai giochi animati che si possono utilizzare in un pomeriggio, ed è perciò necessario (per la salute mentale degli animatori) che i ragazzi siano totalmente catturati dal gioco (altrimenti... Chi li tiene più???)
Grandi Giochi
I grandi giochi sono dei giochi che possono essere giocati (evviva l'italiano e le sue ripetizioni!!!) da un grande numero di partecipanti (noi siamo riusciti ad arrivare ad oltre 800). Sono perfetti per animare pomeriggi di campi scuola (avete presente quei bei pomeriggi praticamente interminabili?) oppure incontri di un solo giorno cui partecipano molti ragazzi che tuttavia non si conoscono (per esempio convegni, incontri diocesani...). Richiedono una discreta preparazione, un' ottima organizzazione, un bel po' di materiale e, di solito, un elevato numero di educatori. Anche se è preferibile realizzarli in un ampio luogo aperto, con poche modifiche possono essere riadattati per un utilizzo "indoor" (in questo caso si sconsiglia di superare i 12.000 partecipanti...). Nel caso in cui vengano utilizzati in occasioni per esempio di convegni o simili, è molto importante che vi sia un "gruppo ristretto" di animatori che svolga il ruolo di regia. Questo gruppo avrà il compito di coordinare le attività di tutti gli altri animatori (a cui verrà affidata la responsabilità delle squadre e dei giochi), di cercare il materiale, formare le squadre e fungere da "megasuperarbitri", con compito di controllo (dei ragazzi) e di assistenza (nel caso qualche animatore abbia bisogno di aiuto). Nel caso invece vengano utilizzati nel corso di campi scuola, oratori... gli animatori avranno il compito di far fare i singoli giochi, mentre le squadre si muoveranno in regime "autogestito". Un'alternativa è quella di predisporre il materiale per i giochi in diverse postazioni e gli animatori delle singole squadre si occuperanno di far giocare i loro amati pargoletti. Se poi per caso siete in 13245 animatori, beh, allora siete troppo fortunati!!!
Gialli
I gialli sono giochi nei quali i partecipanti, a partire dalla scena di un delitto devono, intervistando tutti i possibili sospetti, cercare di capire chi è il misterioso assassino. Ovviamente ogni fase dell'indagine è accompagnata da prove (altri giochi) necessarie per poter porre domande ad un sospetto. Questa tipologia di giochi va bene in generale per ragazzi di età superiore ai 10 - 11 anni e richiede sempre una lunga preparazione da parte degli educatori (che devono interpretare i diversi sospetti), una discreta dose di materiale ed una certa maturità dei giocatori (che durante il gioco sono in "regime di autogestione"). E' fondamentale che gli animatori studino molto bene le loro parti, calandosi nei loro personaggi ed eventualmente arricchendoli. Ovviamente ogni modifica fatta ad un personaggio deve essere comunicata, in modo che le risposte date agli investigatori siano coerenti. Se recitato bene (anche nella fase degli interrogatori) un giallo può coinvolgere anche ragazzi già... stagionati, che riescono (se ben spintonati, a dire il vero) a calarsi molto di più nel gioco rispetto a quelli più piccoli.
Giochi Notturni
I giochi notturni sono semplicemente dei giochi che vengono realizzati di notte e richiedono da parte dei partecipanti il superamento della "paura" del buio. Per questo motivo necessitano di una maggior attenzione da parte degli organizzatori per quanto riguarda la scelta del campo di gioco (che deve essere buio ma assolutamente privo di pericoli), il controllo dei giocatori... Sono indicati soprattutto per ragazzi delle medie, perchè quelli delle elementari li vivono con una certa dose di paura vera. A questo proposito un piccolo appunto. NON è assolutamente bello nè educativamente valido prendersi gioco delle paure dei ragazzi, per esempio organizzando scherzi o trappole al fine di spaventarli. Questo può andare bene per ragazzi più grandi (per esempio da 12-13 anni in su), con i più piccoli è ASSOLUTAMENTE da evitare. Controllate molto bene (e di giorno!!!) il campo da gioco, ripulitelo da eventuali pericoli e, se possibile, sceglietene uno ben delimitato e lontano da strade. Se siete vicini a centri abitati avvertite almeno i vicini della vostra attività (altrimenti le vecchiette si potrebbero spaventare!). Durante il gioco cercate di avere almeno un paio di educatori "liberi" che possano svolgere funzioni di carabiniere (i ragazzi più grandi tendono... a sparire!) e di pronto soccorso (questo lo diciamo sempre, poi in realtà non capita quasi mai nulla... Tranquilli!).
Azione Cattolica Italiana | AC Diocesi di Alba | Link Giochi | Altri Link
Realizzazione e Grafica by M&M - Ottobre 2004

I giochi di questo sito sono pubblicati sotto una Licenza Creative Commons
Licenza Creative Commons